Questo blog e' libero dal NOFOLLOW!

Bug di sistema – le origini

venerdì 11 aprile 2014 scritto da Luigi Vinci Letto 8.240 volte lascia un commento »

Il termine bug di sistema è ormai diventato di uso comune ma credo che in pochi sappiano da cosa derivi.

Il primo bug informatico
Fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/File:H96566k.jpg

Io l’ho scoperto leggendo Crypto, di Dan Brown.

Susan aveva sempre ritenuto assai divertente l’origine del termine “baco”.
Derivava dal primo calcolatore del mondo, il Mark 1, un labirinto di circuiti elettromeccanici che occupava una stanza intera, costruito nel 1944 in un laboratorio dell’università di Harvard.
Un giorno, il computer manifestò un malfunzionamento, e nessuno fu in grado di determinarne la causa. Dopo ore di indagini, un assistente individuò finalmente il problema.
Una tarma era finita su una scheda facendola andare in cortocircuito.
Da quel momento in poi, i malfunzionamenti dei computer furono chiamati “bug”.

Fonte: Crypto di Dan Brown

I bug informatici

In inglese, il termine bug può essere tradotto come: errore, insetto, cimice, virus, germe, difetto, fanatico o passione.

In informatica invece identifica un errore di programmazione o di progettazione hardware.

Basta una virgola omessa o inserita al posto sbagliato ed il bug di sistema è servito. Ore e ore di programmazione possono sfumare e rintracciare l’errore può diventare un lavoro molto frustrante.

Millennium Bug

Il Millennium bug o Y2K bug, è stato forse il bug più famoso al mondo. I suoi effetti catastrofici, attesi al cambio di data dalla mezzanotte del 31 dicembre 1999 al 1º gennaio 2000, fortunatamente non si sono manifestati perché previsti con largo anticipo.

Principalmente, il rischio derivava dalla possibilità che fossero ancora in uso rappresentazioni sintetiche della data, con le sole ultime due cifre per indicare l’anno. Questo metodo era stato in effetti molto utilizzato nella “preistoria” informatica, quando la memoria era scarsa e costosa. In queste condizioni, un sistema affetto dal bug avrebbe frainteso “2000″ con “1900″, con conseguenze difficili da immaginare.
Fonte – Wikipedia

Heartbleed

La notizia è dei giorni scorsi ed è stato definito come uno dei bug informatici più insidiosi e pericolosi di tutti i tempi.

L’errore consente a un aggressore, senza interagire con i computer/dispositivo della vittima, di acquisire dati riservati (mail, password, documenti, numeri di carte di credito) trasmessi dai siti che usano OpenSSL
Fonte Zews News

L’errore, presente da oltre due anni, è stato individuato e corretto. Spetta ora ai singoli siti internet aggiornare la versione di OpenSSL in uso.

Seguimi su Instagram > http://instagram.com/luviweb

Chi ha colpito

Tra i siti più famosi, coinvolti nel bug Heartbleed, ci sono Dropbox, Facebook, Google, Tumblr e Yahoo.

Sul sito Focus.it (vedi più sotto) è stato pubblicato un elenco più esteso.

Anche se il bug è stato corretto, è meglio cambiare le password di accesso perché potrebbero essere state carpite prima della correzzione

Fonti e approfondimenti: e-book Crypto (La Feltrinelli) | Bug informatico (wikipedia) | Heartbleed (ZewsNews) | Millennium Bug (Wikipedia) | Heartbleed siti coinvolti (focus)

@LuViWeb Luigi Vinci su twitter

Spazio vuoto, lo vuoi tu? Contattami ;)