Questo blog e' libero dal NOFOLLOW!

Hackerato il sito delle Poste Italiane

domenica 11 ottobre 2009 scritto da Luigi Vinci Letto 1.912 volte lascia un commento »

poste_hackerate Qualcuno ha hckerato il sito delle poste italiane, è riuscito ad accedere al server e lo ha defaciato, ha cioè cambiato la pagina iniziale del sito.

Hackerato il sito delle Poste Italiane

[...]Dal sito di Denis sono venuto a sapere che ieri, il sito delle poste è stato hackerato.

Qualcuno è riuscito a superare i meccanismi di protezione e ha cambiato la home page del sito

posteitaliane

Link sponsorizzato

Ecco il testo del messaggio lasciato dagli hackers sul sito delle poste
Le Poste italiane sono state oscurate ?!
Perchè questo atto di forza?
Per dimostrare a milioni di Italiani
che i loro dati sensibili non sono al sicuro!
Sembra pazzesco eppure tutta la sicurezza garantita
nei servizi on-line di e-commerce è solamente apparente.
Per vostra fortuna noi siamo persone non malintenzionate,
perciò i vostri dati ed i vostri accounts non sono stati toccati;
Ma cosa succederebbe se un giorno arrivasse qualcuno
con intenzioni ben peggiori delle nostre?
Con questo gesto quindi, invitiamo i responsabili ad occuparsi
della grave mancanza di sicurezza nei servizi on-line delle Poste s.p.a .Mr.Hipo and StutM

I tecnici del sito Posteitaliane, allertati si sono subito messi a lavoro ripristinando il sito anche se attualmente non sembra ancora pienamente navigabile (nel momento in cui scrivo, ad esempio, il link sala stampa non sembra funzionare).

Ecco il comunicato delle poste al rigurdo

Ripristinata l’home page del sito dopo l’attacco di defacement. Mai stati in pericolo i dati dei correntisti
L’attacco di defacement, una delle forme più frequenti di hackeraggio contro i siti italiani, che ha interessato nella serata di sabato 10 ottobre il sito di Poste Italiane è stato tempestivamente bloccato dal sistema di sicurezza interno dell’azienda. Tutti i dati e le informazioni contenuti nel sito non sono stati violati.
I tecnici di Poste Italiane e la Polizia postale – con l’ausilio della sofisticata sala di sicurezza per il controllo della rete allestita presso la sede di Poste Italiane a Roma – hanno intensificato i controlli per identificarne gli autori e sono già sulle tracce degli hacker.

Spazio vuoto, lo vuoi tu? Contattami ;)