Questo blog e' libero dal NOFOLLOW!

Posso fare qualsiasi grazie a chi mi rende forte per farlo

mercoledì 21 ottobre 2009 scritto da Luigi Vinci Letto 4.257 volte lascia un commento »

luviweb.it » Dick e Rick Hoyt, la straordinaria storia di un amore tra padre e figlio | Luigi Vinci Weblog  Un padre diventa un atleta di triathlon a livello agonistico per poter far provare al figlio disabile l’emozione di una gara. Un’altra dimostrazione di cosa sia possibile fare richiamando quelle energie che sono dentro ciascuno noi. Il video è molto commovente e la storia che c’è dietro lo è ancora di più.

Rick e Dick hoyt: il team hoyt

Ringrazio Nicole per aver segnalato questo video su Facebook

La storia inizia a Winchester, nel Massachusetts, 43 anni fa: durante il parto Rick rimane soffocato dal cordone ombelicale e subisce un danno cerebrale che gli impedirà di controllare gli arti.

Quando Rick aveva 9 mesi i dottori  dissero al papà Dick e alla mamma Judy “Sarà un vegetale per il resto della vita, mettetelo in un istituto

Ma gli Hoyt non ci stavano. Avevano notato che Rick li seguiva per la stanza con lo sguardo. Quando Rick ebbe 11 anni lo portarono alla facoltà di Ingegneria alla Tufts University e chiesero se ci fosse qualcosa che permettesse al ragazzo di comunicare.
Le risposte inizialmente non furono incoraggianti e nessuno credeva che Rick, nonostante la sua condizione, fosse in grado di pensare e comprendere la realtà circostante .

Link sponsorizzato

Gli racconti una barzelletta,” chiese Dick ad un ricercatore che sosteneva l’assenza di volontà in Dick.
Il ricercatore lo fece e Rick rise.
Evidentemente la condizione di Rick era stata sottovalutata

Attraverso un computer ed un pulsante posto dietro la sua testa Rick ha finalmente cominciato a comunicare.

Le prime parole furono “Go Bruins!” una squadra di hockey di Boston e quando un suo compagno di classe rimase paralizzato per un incidente e la scuola organizzò una corsa per raccogliere fondi, Rick si lanciò: “Papà, la voglio fare.”

Come avrebbe fatto Dick, che chiamava se stesso un “ciccione” e che non aveva mai corso per più di un chilometro, a spingere il figlio per oltre otto chilometri?

Ma l’atteggiamento di Dick fu “Comunque provò“.

E dick ha corso con suo figlio

Dopo ero io l’handicappato” dice Dick, “sono stato dolorante per due settimane.”

E da quel giorno la vita di Rick cambiò e Dick.
Papà,” scrisse, “quando correvamo, non mi sentivo più disabile!

Dick divenne ossessionato dall’idea di far provare a Rick quella sensazione più spesso che poteva.
Si allenò e si mise in forma tanto che lui e Rick si sentirono pronti per la maratona di Boston del 1979.

Un giudice di gara però non accettò la loro candidatura.
Gli Hoyt non erano un corridore singolo, e non erano un contendente in sedia a rotelle.

Per diversi anni Dick e Rick si unirono semplicemente alle enormi competizioni, finché non trovarono un modo per entrare in gara ufficialmente: nel 1983 corsero una maratona così forte che si qualificarono per quella di Boston dell’anno successivo.

Poi qualcuno disse, “Ehi, Dick, perché non il triathlon?

Un tipo che non ha mai imparato a nuotare e che non è salito su una bici da quando aveva sei anni, come può portarsi dietro suo figlio di 50 kg in una gara di triathlon?

Comunque, Dick provò.

Dick e Rick hanno all’attivo 212 gare di triathlon, inclusi 4 massacranti Ironman da 15 ore alle Hawaii.

Poi un giorno qualcuno chiese a Dick, “perché non vediamo cosa faresti da solo?
Neanche per idea” disse Dick, “lo faccio puramente per la sensazione straordinaria che prova nel vedere Rick con un sorrisone mentre corriamo, nuotiamo e pedaliamo assieme

Non c’è dubbio,” scrive Rick. “Mio papà è il padre del secolo.
Qualche anno fa Dick ebbe un leggero attacco di cuore durante una gara. I dottori scoprirono che una delle sue arterie era chiusa per il 95%. “Se tu non fossi stato in una forma così strepitosa” gli disse un medico, “probabilmente saresti morto 15 anni fa” Così, in un certo senso, Dick e Rick si sono salvati la vita a vicenda.

Rick, che ha la sua casa (riceve assistenza a domicilio) e lavora a Boston, e Dick, in pensione dalla sua occupazione come militare e che vive a Holland, Massachusetts, trovano sempre il modo per stare insieme.

I can do hall things through him who strengthens me
Posso fare qualsiasi grazie a chi mi rende forte per farlo

Dick e Rick Hoyt: Posso fare qualsiasi cosa grazie a chi mi rende forte per farlo

Visita il sito di Rick e Dick Hoyt

Ecco un altro video su Rick e Dick Hoyt

Fonti: pedadisa09.forumattivi.com | teamhoyt.com

Spazio vuoto, lo vuoi tu? Contattami ;)
  • http://www.google.com/profiles/nexsolost Nexso

    Together has power
    Don’t run ALONE :)